E’ uscito il bando regionale dedicato alle reti di imprese

E’ uscito il bando regionale dedicato alle reti di imprese

L’obiettivo è quello di sostenere forme di cooperazione avanzata tra le imprese

E’ uscito il bando regionale per la “Costituzione e lo sviluppo di reti tra imprese”. L’obiettivo della Regione Toscana è quello di sostenere forme di cooperazione avanzata tra le imprese, allo scopo di supportare processi di riorganizzazione delle filiere, di incrementare l’efficienza dei processi produttivi, lo sviluppo commerciale delle aziende, la loro capacità innovativa. In particolare sono agevolate con il bando le operazioni di costituzione e sviluppo di reti tra imprese.
Possono presentare domanda micro, piccole e medie imprese aggregate nella forma di Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto) e Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto).Tutte le imprese che partecipano al bando devono descrivere, all'interno della scheda tecnica di progetto, una proposta progettuale che dettagli l’anagrafica del progetto, i partecipanti al progetto, il programma di rete, il progetto. Sono ammissibili progetti di investimento il cui costo totale sia superiore a 400.000 Euro e inferiore a 1.200.000 Euro. Nei progetti inoltre devono essere inseriti programmi di rete di durata di almeno 3 anni successivi alla data di presentazione della domanda, che le reti devono obbligarsi a realizzare.
Sono ammissibili ad agevolazione i programmi di investimento realizzati in Toscana relativi a: “Attivi materiali”, ovvero impianti industriali; macchinari e attrezzature varie, esclusi gli arredi; opere murarie e assimilate; mezzi e attrezzature di trasporto di persone e di merci strettamente necessari allo svolgimento dell’attività, e ad “Attivi immateriali”, acquisizione di diritti di brevetto, licenze, know how o conoscenze tecniche non brevettate. Ed ancora, sono ammissibili le “Spese relative all’acquisto di servizi di consulenza avanzati e qualificati” previsti dal “Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le PMI toscane dell’industria, artigianato e servizi alla produzione”, i “Costi di brevetto e altri diritti di proprietà industriale”. Non sono ammissibili i programmi di investimento comprendenti esclusivamente spese di consulenza. Nessuna delle imprese del raggruppamento può sostenere più del 60% o meno del 10% dei costi ammissibilità

La domanda di aiuto deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet http://www.sviluppo.toscana.it/bandoreti. La domanda si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., a partire dalle 9 del 13 gennaio 2014 alle 17 del 14 febbraio 2014.  Il bando completo è possibile scaricarlo anche dall'allegato qui sotto.

E’ uscito il bando regionale dedicato alle reti di imprese