Un anno della gestione dell'incubatore: una scommessa vinta

Un anno della gestione dell'incubatore: una scommessa vinta

Il bilancio di Abitare l’Arte 2013-2014
Un anno della gestione dell'incubatore: una scommessa vinta

Oltre un anno, il 30 gennaio 2013, fa è stato inaugurato Abitare l’Arte, l’incubatore di Quarrata a Villa la Magia con la gestione del Centro Sperimentale del Mobile e dell'Arredamento, aggiudicata tramite la partecipazione al bando.

Ad oggi, marzo 2014, sono Ciampoli+Marseglia, KeepUP, KIT, Mod Made Of Design, ELFI Lightning le aziende di Abitare l’Arte che vedono la presenza di undici giovani con l’età media di 30 anni. Con l'incubatore si è voluto mettere l'esperienza del CSM e del POLO CENTO a disposizione di giovani con idee innovative su tematiche legate allo sviluppo del sistema interni. Una operazione importante per creare nuovi strumenti utili per le aziende. In questo senso sono state selezionate le imprese attualmente ospitate nell'incubatore Abitare l'Arte. Aziende con una visione moderna ed innovativa capaci di offrire servizi complementari e integrabili per lo sviluppo del sistema interni in Toscana. Fondamentale è stata la motivazione dei giovani, le loro competenze, conoscenze ed il radicamento nel territorio della Toscana.

I risultati non si sono fatti attendere. Questo anche grazie al lavoro di condivisione delle imprese “incubate” che ha saputo creare un’offerta completa di servizi con una ricaduta importante per il territorio di Quarrata.

Servizi offerti dalle imprese Sono cinque le imprese di Abitare che operano nei settori design, comunicazione su piattaforme web, servizi tailor made, progettazione 3d offrendo agli interlocutori attività che vanno dalla progettazione alle indagini di mercato, fino alla realizzazione di campagne di promozione-comunicazione e al monitoraggio dell’andamento delle vendite

Formazione continua Le imprese in fase di costituzione sono state supportate attraverso la consulenza e la formazione offerta da Università, dal personale del CSM, da esperti del settore e da testimonianze di imprenditori di successo nonché da un accompagnamento quotidiano nei locali della Villa che ospita l'incubatore. A questo si è aggiunta la collaborazione degli stakeholdres del territorio: enti pubblici, in primis l'Amministrazione Comunale di Quarrata, ma anche la Regione – che cofinanzia l'iniziativa ed ha cofinanziato la ristrutturazione dell'immobile, la Provincia di Pistoia e la CCIAA di Pistoia. Ed ancora, le associazioni di categoria, l'Università e le istituzioni finanziarie.
 

Un anno della gestione dell'incubatore: una scommessa vinta