Favorire la crescita sostenibile con Protocolli di Insediamento

Favorire la crescita sostenibile con Protocolli di Insediamento

La nuova modalità della Regione Toscana, attraverso i fondi europei, di sostenere gli investimenti e il lavoro. Scadenze quadrimestrali: 31 ottobre, 28 febbraio, 30 giugno di ogni anno

Favorire la crescita sostenibile, la riqualificazione del tessuto produttivo regionale e i processi di industrializzazione. Sono i Protocolli di Insediamento, la nuova modalità proposta dalla della Regione Toscana, attraverso i fondi europei, di sostenere gli investimenti e il lavoro. I Protocolli possono prevedere programmi di investimento legati alla ricerca industriale, a favore della ricerca, dello sviluppo e dell’innovazione delle PMI. Non solo, sono previsti investimenti materiali e immateriali per nuovi insediamenti o per l’ampliamento di quelli esistenti. Ed ancora, sono previsti investimenti finalizzati alla creazione o all’ammodernamento di infrastrutture di ricerca.
Possono essere soggetti beneficiari grandi imprese, micro e PMI o imprese on forma aggregata. Gli investimenti devono essere realizzati da imprese che operano in attività del settore industria e dei servizi. Gli interventi devono consistere in investimenti (nuove unità di locali, unità locali già presenti sul territorio regionale, creazione o ammodernamento di infrastrutture di ricerca), programmi di reindustrializzazione, investimenti da parte di imprese con sede legale in Toscana la cui base sociale sia costituita per almeno il 70% da ex dipendenti di aziende in crisi e che abbiano usufruito dell’incentivo dell’autoimprenditorialità nonché di incentivi regionali sulla creazione di imprese o di programmi operativi cofinanziati dai fondi strutturali.  Per le grandi imprese singole sono previsti investimenti non inferiori a 10 milioni di euro di spesa, per le grandi imprese in collaborazione con PMI si prevedono investimenti non inferiori a 7,5 milioni di euro. Per le PMI singole, investimenti non inferiori a 2 milioni di euro e per le PMI aggregate, 3,5 milioni di euro. Le manifestazioni di interesse possono essere presentate in scadenze quadrimestrali, ovvero 31 ottobre, 28 febbraio, 30 giugno di ogni anno.
Per informazioni più dettagliate sui bandi è possibile contattare il direttore del Centro Sperimentale del Mobile, Irene Burroni, chiamando lo 0577 937457 o scrivendo a irene@csm.toscana.it

1 luglio 2015 

 

Favorire la crescita sostenibile con Protocolli di Insediamento