Conclusi i progetti di Ricerca e Sviluppo 2012

Conclusi i progetti di Ricerca e Sviluppo 2012

Innovazione nel camper, negli imbottiti e nelle macchine di movimentazione terra grazie al contributo del Bando Unico della Regione Toscana “Ricerca e Sviluppo” del 2012

Efficienza nel mondo del camper attraverso materiali innovativi. Imbottiti con migliore efficienza dal punto di vista prestazionale e ambientale. Una nuova generazione di prodotti per il movimento terra. Sono i risultati dei progetti Triaca, MIAMI e 3S che, a partire dal lavoro elaborato e definito dal Polo di competenza “Cento” con il Centro Sperimentale del Mobile sulla base dei risultati scaturiti dal progetto di area “Competitività e Innovazione in Valdelsa”, hanno ricevuto nel 2012 il contributo sul Bando Unico Ricerca e Sviluppo, promosso dalla Regione Toscana.

A marzo 2015 i progetti si sono conclusi. Le aziende coinvolte sono già impegnate a presentare i risultati che vengono illustrati nelle singole news dedicate ai progetti. Ecco qui di seguito una sintesi.

Triaca Ridurre i consumi di carburante e di energia del camper attraverso l’applicazione di materiali e tecnologie innovative. E’ il campo di intervento del “Progetto TRIACA: soluzioni tecnologiche per la riduzione dell’impatto ambientale del camper nella fase di uso” che ha visto coinvolta Trigano, Espansi Tecnici e Dielectrik TRIACA ha definito un nuovo prototipo di camper innovativo. Hanno partecipato al progetto anche gli organismi di ricerca: DIDA – Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze, Consorzio Polo Tecnologico Magona – CPTM, Consortium Ubiquitos Technologies – CUBIT, Dipartimento di Scienze della Comunicazione – DISCO dell’Università di Siena.

MIAMI Realizzare prototipi di imbottiti - con particolare attenzione al settore contract - migliorati da un punto di vista prestazionale ed ambientale. E’ Il “Progetto Miami: miglioramento dell’impatto ambientale del mobile imbottito attraverso l’impiego di imbottiture, substrati e rivestimenti innovativi” che ha visto coinvolte Segis spa,  Matrix International srl e Botto.Ro srl. Tra le azioni raggiunte, la messa a punto di prototipi ad hoc per le due aziende. Al progetto hanno partecipato DIDA – Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze e NEXT Technology.

3S E’ la risposta tecnica ai trend di mercato e normativi delle macchine movimento terra, con un approccio design-driven. Il progetto, che ha visto coinvolti IHIMER, Itla spa e Go2TEC con la collaborazione dell’Università di Pisa, ha voluto sviluppare una nuova generazione di prodotti e di metodi produttivi. Il driver di 3S è l’implementazione della gestione elettronica delle macchine al fine di assicurare un’interazione «uomo/macchina» e «ambiente/macchina» che si basa sull’abbattimento delle emissioni, sulla sostenibilità economica e sociale, sulla gestione intelligente di una macchina o di una flotta di Skid o miniescavatori.

8 maggio 2015

Conclusi i progetti di Ricerca e Sviluppo 2012