Ecco Triaca: il veicolo della Trigano che nasce da Ricerca e Sviluppo

Ecco Triaca: il veicolo della Trigano che nasce da Ricerca e Sviluppo

Un veicolo concept innovativo, più leggero, dove particolare attenzione è dedicata agli interni, al risparmio energetico, alla funzionalità.
Ecco Triaca: il veicolo della Trigano che nasce da Ricerca e Sviluppo

Definizione di un veicolo autocaravan concept innovativo, più leggero, dove particolare attenzione è dedicata agli interni, al risparmio energetico, alla funzionalità. Pavimento in eco resina, con un pannello solare e batteria a litio integrata che permette una maggiore densità di energia e quindi un minor peso a parità di capacità. E poi, interni studiati in rapporto stretto con il mondo del mobile-arredo soprattutto nell’ambiente cucina, divani, toilette. Attenzione particolare per i materiali e le finiture, inoltre gli arredi sono stati studiati per poter essere “trasformati” e adattati a tutti i comfort.
E’ il veicolo realizzato da Trigano grazie al progetto Triaca che ha avuto il finanziamento regionale all’interno del bando Ricerca e Sviluppo nel 2012. Hanno partecipato all’elaborazione DIDA – Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze, Consorzio Polo Tecnologico Magona – CPTM, Consortium Ubiquitos Technologies – CUBIT: supporto tecnico alla elaborazione progetto esecutivo, Dipartimento di Scienze della Comunicazione – DISCO dell’Università di Siena.
Le diverse soluzioni tecnologiche sono state integrate nel prototipo autocaravan attraverso un’azione di sintesi svolta dal design. L’innovazione del prototipo sta anche nella soluzione distributiva-funzionale che è stata studiata per gli interni con l’obiettivo di garantire la massima flessibilità d’suo in particolare nello spazio dinette – cucina – bagno che è stata ampliata in altezza.
Il veicolo ha una lunghezza totale inferiore ai 6 metri il che evidenzia ancora di più le proprietà di funzionalità e flessibilità del veicolo e rende possibile accedere in tutte le aree come se fosse una vettura.
Gli interni L’ambiente interno è studiato per esaltare un cambiamento innovativo per il settore camper dell’utilizzo delle cromie e di alcune forme ergonomiche, normalmente presenti solo in ambito domestico.  Il pavimento è realizzato con una “ecoresina” di colore unito, l’ambiente cucina è realizzato con colore bianco sul piano di lavoro e la struttura in colore “azzurro lucido” per esaltare le forme e creare un comfort visivo in un ambiente ristretto. La colonna dispensa e l’armadio sono con finitura legno chiaro mentre la zona con seduta e pensile è in colore “giallo lucido”. I divani e le sedute presentano dei colori tenui naturali sull’azzurro-grigio realizzati con materiali ecosostenibili e completano l’ambiente armonioso, rilassante e confortevole dell’interno. La toilette è un ambiente particolarmente luminoso, di colore principalmente bianco dove le principali funzionalità sono nascoste. Come detto, gli interni hanno particolare flessibilità:  un divano nasconde un meccanismo di estensione per realizzare un letto (simile ad un divano letto), l’altro divano presenta un meccanismo per trasformare la seduta in una chaise-longue con schienale regolabile e supporto gambe regolabile elettricamente. Un’altra seduta è posta lateralmente ad un divano e modifica l’inclinazione dello schienale elettricamente per migliorare il comfort mentre un letto a movimento elettrico verticale è presente sopra la zona divani.
La struttura esterna recepisce l’applicazione dei materiali immarciscibili e più leggeri degli attuali, il meccanismo del sollevamento di parte del tetto, chiamato “soffietto” permette l’espansione del volume interno per aumentare abitabilità e comfort senza invadere lo spazio laterale circostante il veicolo.
I materiali Per quanto riguarda i materiali, al termine delle prove, la soluzione selezionata ed applicata nel prototipo realizzato per il rivestimento esterno è in laminato in composito di fibra di basalto, con vantaggi a livello di alleggerimento a parità di prestazioni.
La struttura Relativamente alla struttura considerazioni relative a prestazioni, industrializzazione e costi hanno portato alla realizzazione di una struttura di espanso in pvc con eliminazione del legno e relative problematiche legate all’assorbimento dell’umidità, marcescibilità e placche in alluminio per il posizionamento dell’arredo interno, con riempimento in poliestere estruso. E’ stata realizzata un’antenna semi-parabolica (con parti prodotte ex novo ed altre da catalogo) che presenta il miglior compromesso costo-funzionalità-performance. L’antenna risponde ad esigenze quali il funzionamento durante la marcia del veicolo, il puntamento, l’aerodinamicità dell’insieme. Si è infine operato un’integrazione tecnico-formale dell’antenna sul tetto della cellula abitativa.
Controllo In relazione alla funzione di controllo è stata realizzata una centralina di controllo delle utenze e dei consumi in uso nella domotica con integrazione di funzioni di contabilizzazione dell’energia consumata, possibilità di integrazione con sistema di allarme anti-intrusione e sistemi RFID (identificazione elettronica). E’ stato infine realizzato un pannello comandi basato su Android.
Energia  A livello di soluzioni energetiche, è stato selezionato un pannello solare con batteria a litio integrata che permette una maggiore densità di energia e quindi un minor peso a parità di capacità.

1 luglio 2015 

Ecco Triaca: il veicolo della Trigano che nasce da Ricerca e Sviluppo